Maggio 2021 al Teatro Litta

Maggio 2021 al Teatro Litta

Dopo tante attese ripartono le Manifatture Teatrali Milanesi.

TEATRO LITTA Posto unico € 12,00 – Diritto di prevendita € 1,80 [fa class=”fas fa-fw fa-2x fa-envelope”] –> biglietteria@mtmteatro.it [fa class=”fas fa-fw fa-2x fa-phone”] –> 02.8645 4545

Teatro Litta
Corso Magenta, 24
Posto unico € 12,00 – Diritto di prevendita € 1,80


LINEE GUIDA SULLE MISURE SANITARIE
– Obbligatoria mascherina Chirurgica o FFP2
– Controllo della temperatura all’ingresso
– Mantenimento della distanza di sicurezza

Troia City – La verità sul caso Aléxandros

liberamente ispirato ai frammenti dell’Aléxandros di Euripide
testo di Antonio Piccolo
ideazione e regia Lino Musella
con Antonio Piccolo e Marco Vidino (cordofoni e percussioni)
produzione Teatro in Fabula, Quartieri dell’Arte, Galleria Toledo

Una lavagna, dei gessetti, la sabbia, un cavalluccio rosso. Sulle tracce di una tragedia perduta, un investigatore compie un’indagine per metterne insieme i pezzi, fare luce sui vuoti, ricostruirne la vicenda e i personaggi. Il testo di partenza è «Aléxandros», opera di Euripide che ci è giunta incompleta, sorta di “prequel” della guerra di Troia. E chi sarà mai questo Alessandro?

Parole in trincea – Non esistono guerre giuste

drammaturgia e regia Carmen Pellegrinelli
con Michele Eynard e Federica Molteni
produzione Luna e GNAC Teatro – Residenza Initinere

Una donna, una partigiana, ricostruisce in un grande viaggio della memoria la storia della sua famiglia, sconvolta all’inizio del secolo dalla Prima Guerra Mondiale. I protagonisti di quotidiane storie di resistenza all’inizio del secolo tornano a noi, come in una piccola antologia di Spoon River: sono Il Bepo, l’Alessandro, la Sandra, l’Angelina, Natale, Tullio e Nimis.

Corpi al vento – Arianna, Fedra, Pasifae: le donne di creta

di e con Ilaria Gelmi e Antonella Ruggiero
con il sostegno di Teatro Evento
Terramare Teatro B.R.A.C.T
Campsirago Residenza

Donne cretesi, “le luminose” le chiamavano, tutte accomunate dallo stesso destino. Tutte fragili di fronte alle passioni d’amore, tutte vittime della stessa maledizione. Fragili, come la creta. Noi siamo tutti fatti di creta. Un mito classico in chiave personale, femminile, ironica e contemporanea.